?

Log in

fiorediloto

[Sherlock Holmes] In mist or cloud

« previous entry | next entry »
Aug. 10th, 2010 | 03:56 pm

Titolo: In mist or cloud
Fandom: Sherlock Holmes
Pairing: Gen
Rating: G
Conteggio parole: 358 (W)
Prompt: le buie e nebbiose stradicciole della City @ Albero delle Drabble (holmes_ita) + nebbia @ bingo_italia (tab)


At first it seemed a little speck,
And then it seemed a mist;
It moved and moved, and took at last
A certain shape, I wist.



Cominciò nel primo pomeriggio come una bruma leggera, e prima di cena era un manto spesso e opaco di foschia grigiastra. Era un tempo che il mio amico avrebbe amato, considerai seguendo il cappello di Lestrade giù dalla carrozza, non per i suoi meriti estetici ma per le infinite possibilità. La nebbia è amica dei criminali, e il crimine è – era – ciò di cui si nutriva la sua mente superba. Per tutti noialtri, la nebbia è non vedere al di là del proprio naso, umidità che bagna il cappotto e tormenta vecchie ferite di guerra. Per il mio amico era una spia, un segnale, una copertura, un indizio, e mille altre cose che non ho mai cominciato a imparare.

Ora la caligine aveva inghiottito i lampioni e mi rassegnai a indovinare Lestrade nella sagoma che mi precedeva, resistendo all’impulso di allungare un braccio per sincerarmi che i suoi contorni sfocati fossero nondimeno reali.

“Tempo da cani, dottore,” borbottò l’ispettore, rivolto a me ma non necessariamente. Tacque per qualche secondo, durante il quale seguitò a studiare, mi parve, i numeri civici impressi sulle porte. “Buono per ladri e tagliagole.” Un’altra pausa. “Mr. Holmes ne sarebbe felice come un bambino,” concluse, con leggerezza venata di cautela.

“Oh, sì,” risposi. “Pensavo la stessa cosa.”

“Non potrebbe piacere a nessun… Ah, ecco il quattrocentoventisette.”

Uno scampanio soffocato provenne dall’interno della casa quando Lestrade tirò la corda. Allora, quando mi voltai per contemplare la via deserta, accadde una cosa strana. Un refolo d’aria tiepida trovò la strada per la mia gola attraverso il colletto alzato del cappotto, e uno sventolare di stoffa riempì l’angolo del mio sguardo. Il passante mi sfiorò la spalla e proseguì. Nella lama di luce che si aprì dalla porta, intravidi la schiena, il taglio spigoloso delle spalle e la camminata decisa – l’unico tratto al mondo, dicono, che nessun uomo può contraffare.

E sentii l’odore, tabacco e un’idea di colonia, e qualcos’altro che mi parve polvere, carta polverosa.

“Venga, dottore,” mi chiamò Lestrade da una distanza abissale, una o due vite, tre anni, un milione di miglia.

“Arrivo.”

Cercai l’uomo con lo sguardo, ma mi accorsi di averlo perso.

Link | Leave a comment | Share

Comments {7}

flannery_flame

(no subject)

from: flannery_flame
date: Aug. 10th, 2010 02:45 pm (UTC)
Link

Uh, mi è piaciuta molto! E' bella nella sua brevità, ed ho adorato questa descrizione:

Uno scampanio soffocato provenne dall’interno della casa quando Lestrade tirò la corda. Allora, quando mi voltai per contemplare la via deserta, accadde una cosa strana. Un refolo d’aria tiepida trovò la strada per la mia gola attraverso il colletto alzato del cappotto, e uno sventolare di stoffa riempì l’angolo del mio sguardo. Il passante mi sfiorò la spalla e proseguì. Nella lama di luce che si aprì dalla porta, intravidi la schiena, il taglio spigoloso delle spalle e la camminata decisa – l’unico tratto al mondo, dicono, che nessun uomo può contraffare.


L'ho trovata affascinante e suggestiva!
Per tutta la fic ho avuto effettivamente la sensazione di essere immersa nella nebbia, forse perché anche le descrizioni e la scena rappresentata sembra lasciare molto mistero.
Beh, in conclusione, complimenti =)

Reply | Thread

Fiorediloto

(no subject)

from: fiorediloto
date: Aug. 10th, 2010 03:40 pm (UTC)
Link

Ti ringrazio! Era solo un piccolo studio sulla resa dell'atmosfera, quindi se quella è riuscita bene mi ritengo soddisfatta :)

Reply | Parent | Thread

Eva

(no subject)

from: crimsontriforce
date: Aug. 10th, 2010 03:21 pm (UTC)
Link

Obvious talent is obvious. Amola tutta. E quant'è nebbiosa!

Reply | Thread

Fiorediloto

(no subject)

from: fiorediloto
date: Aug. 10th, 2010 03:41 pm (UTC)
Link

E' questo agosto torrido che mi fa desiderare scenari nordici e nebbiosi, di quelli che non sopporterei neanche per mezzo secondo se fossero a casa mia. Oh well. Grazie!

Reply | Parent | Thread

;Miss Snow White

(no subject)

from: dahliaxxx
date: Aug. 10th, 2010 06:50 pm (UTC)
Link

Sono sempre così contenta quando leggo il tuo nome vicino a " fanfiction " che non hai davvero idea!
A parte il modo in cui scrivi apprezzo veramente la cura che dedichi ai particolari come in questo caso, alla fine quando pensiamo a Sherlock e alla Londra dell'800 non possiamo esimerci dall'immaginare qualsiasi via, piazza o porto completamente inondato dalla nebbia ( alla fine anche la casa di Holmes, con tutto quel tabacco, doveva averne un bel pò anche lei :-P ); ovviamente mi è piaciuto tanto anche come hai usato l'agente atmosferico per legarlo alla storia, anche se sono poche righe colpisce molto.
MMH... Ma non so se si è capito che mi piacciono le tue fic :-3

Reply | Thread

Fiorediloto

(no subject)

from: fiorediloto
date: Aug. 10th, 2010 07:07 pm (UTC)
Link

Mi ero fatta un'idea XD Grazie! La nebbia è un fatto talmente lontano dal mio mondo (in Sicilia non se ne vede molta, purtroppo) che mi affascina da morire. Mi sembra che abbia una sua bellezza romantica, e hai ragione, il fumo del tabacco la ricorda molto...

Reply | Parent | Thread

(no subject)

from: _izu_
date: Aug. 19th, 2010 05:33 pm (UTC)
Link

Arrivo a leggerla giusto quando il caldo sembra dar tregua e ho ufficialmente i piedi freddi. Che bella sensazione di pianura padana Londra invernale che ci hai regalato. E mi è davvero quasi sembrato di sentire un refolino d'acqua di colonia...il fatto che io spesso senta profumi e odori a caso aiuta. Al solito, graditissima e piacevole. E incrinacuore, mannaggiattè.

(uh, giusto ieri mi han regalato un fumetto che è gioia e angst)

Reply | Thread